20/10/2016 - Reportage

A Siviglia con la bambina: diario di viaggio 4kids

Il reportage di viaggio di Armida che ha visitato Siviglia con il bambino di 2 anni.

A Siviglia con la bambina: diario di viaggio 4kids
Armida

Siviglia con i bambini

Siamo andati a Siviglia il 27 febbraio (2015) con un volo della Ryanair (ritorno 2 marzo), abbiamo un bimbo di due anni. Abbiamo prenotato l'hotel tre stelle Don Paco 339 euro tre notti mezza pensione).

L'hotel è pulitissimo, ci hanno dato una camera con letto matrimoniale e un divano letto matrimoniale per il bambino, il bagno era spazioso con una doccia per due persone. All'ultimo piano dell'albergo c'è la piscina, la colazione e la cena sono a buffet e c'è tanta scelta, ogni giorno c'è qualcosa di diverso.Hanno un menù per i celiaci e per gli allergici. Hanno preparato piatti al momento al bimbo, prima la carne, poi non vedendolo mangiare gli hanno preparato una frittata con il prosciutto. Il personale è disponibilissimo. Hanno i seggioloni ed eventualmente la culla per i bambini. E' situato a due passi dal centro (15 minuti a piedi o forse meno) dalla Cattedrale.


Real Alcazar- Siviglia
Siamo arrivati in hotel alle 13 e poi nel pomeriggio siamo stati al Real Alcazar. E' un palazzo meraviglioso in stile arabo, i giardini sono bellissimi e come periodo fine febbraio è spettacolare sia per la vegetazione, sia per il clima (24 gradi).


La casa de Pilatos - Siviglia

Il Sabato siamo stati a Casa de Pilatos (merita davvero!) un'altra residenza in stile arabo, si trova vicino all'albergo e poi vicino a piazza Alfa alfa, c'è un panificio dove fanno del pane particolare molto buono (a detta di mio marito).


La tomba di Colombo - Siviglia
Nel pomeriggio siamo stati alla Cattedrale, siamo saliti sulla Giralda (ci sono le rampe e non i gradini), con lo stesso biglietto si può visitare la chiesa di San Salvador. Nella piazza della chiesa di S. Salvador ci sono alcuni negozi dove vendono gli abiti di flamenco e tutti gli accessori.

Lungo la via dall'albergo alla Cattedrale ci sono piccoli parchi recintati per bambini.


Piazza di Spagna - Siviglia

Il terzo giorno siamo stati a Piazza di Spagna (dall'albergo abbiamo preso il bus n. 1 perché a piedi era un po' distante) e ci siamo fermati a piazza del Prado, la parallela di Piazza di Spagna. Lì c'è il parquet Maria Luisa, ma non ci siamo soffermati anche perché era piena di gitani che tartassavano i turisti per avere un euro. Considerando che fino alle 10.30 del mattino non c'è anima viva per le strade, noi uscendo alle 9, ci siamo goduti la città, anche perchè , nonostante fosse febbraio, la città era piena di turisti e c'era moltissima gente dopo le 17-18. Non siamo usciti di sera, ma mi hanno detto che è ancora più affollata. Dopo piazza di Spagna, abbiamo preso il 21 e siamo andati a piazza De las armas per recarci alla pinacoteca Belles artes, la seconda pinacoteca in Spagna dopo el Prado. Ottima, ci sono le tele di Murillo, di Zubaran e di Pacheco.


Giardini Murillo - Siviglia

Poi ci siamo recati ai giardini Murillo, vicino al Real Alcazar. Abbiamo pranzato alla Gallina bianca in avenida santa Maria Blanca. E' un ottimo ristorante, almeno preparano qualcosa per celiaci. I giardini Murillo sono veramente belli, ci sono dei giochi per bambini e un trenino, poi c'è un monumento dedicato a Colombo.

Informazione pratiche per visitare Siviglia

Per chi sta più giorni, dopo il primo marzo 2015, c'è la Siviglia card che comprende nel prezzo l'ingresso gratuito a tutti i musei e poi una crociera sul Gualdaquivir (noi abbiamo visto la Torre dell'oro e il fiume dall'autobus). Per chi volesse c'è anche il parco dei divertimenti Isla Magica , al di là del fiume.

In aereo (Ryanair) si può imbarcare il bagaglio a mano gratuitamente (l'abbiamo trovato utile considerando che avevamo il bimbo in braccio, la mia borsa, il passeggino...).
Dall'aereoporto abbiamo preso il taxi (24 euro tariffa diurna, 36 notturna).

A Siviglia ho trovato poche persone che parlano inglese, ma in spagnolo molto stretto con parole andaluse e non si preoccupano di parlare lentamente

E' da tenere in considerazione che il sabato la maggior parte dei negozi sono chiusi, abbiamo trovato solo due farmacie aperte e i negozi di alimentari dei cinesi.

Per i celiaci è un po' difficoltoso, in quanto nelle farmacie non hanno nemmeno un pacco di grissini per celiaci e i vari locali di tapas non sono organizzati se non pochi, altrimenti i ristoranti italiani fanno qualcosa per i celiaci.

In linea generale non è una città cara, gli omogenizzati costano di meno.

Grazie


Grazie a Armida per il racconto!

Se hai domande su Siviglia, scrivi qui o entra nel nostro gruppo Fb: Its4kids - a misura di bimbi.

Se anche tu ami scrivere e condividere la tue esperienze di viaggio con i bambini, contattaci saremo lieti di ospitarti nelle pagine di Its4kids!

Ti aspettiamo!

Ami viaggiare con la tua famiglia?

Offerte e idee
per il tempo libero!

Iscrivi alla newsletter, non perdere occasioni


Cliccando su "Iscriviti", accetti le condizioni e la informativa sulla privacy.
Chiudi